responsabile sicurezza prevenzione protezione palermo,rspp palermo,incarico rspp esterno palermo,sicurezza salute nel luogo di lavoro palermo,rappresentante lavoratori sicurezza rls palermo,testo unico salute sicurezza sul lavoro palermo,servizio prevenzione protezione palermo,documento di valutazione dei rischi palermo,dvr palermo,sorveglianza sanitaria palermo,gestione delle emergenze luoghi di lavoro palermo,addetti alle emergenze luoghi di lavoro palermo,addetti antincendio luoghi di lavoro palermo,addetti primo soccorso luoghi di lavoro palermo,rspp esterno palermo,dvr palermo

documento valutazione rischi dvr palermo

STUDIO ENERGIA SICILIA


Via Aldo Moro 84C, 90046 Monreale(PA)  -  P.Iva: 06488920825


dott. D'Alia Salvatore


SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

 


Tel. 327.6677763   -   Email: sicurezzalavorosicilia@gmail.com

rspp palermo



SERVIZI:


     - assunzione incarico di RSPP


     - redazione documento di valutazione dei rischi (DVR)


     - consulenza generale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

D.Lgs. 81/08 - TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Clicca su una delle sezioni per sapere di più su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

(ogni volta che si rimanda ad articoli senza specificare il decreto, ci si riferisce al D.Lgs. 81/08)

DVR - DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

FINO A 10 LAVORATORI (art.29, comma 5)

I datori di lavoro effettuano la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo   6, comma 8, lettera f).                                                              
Quanto previsto nel precedente periodo non si applica   alle attività di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b),   c), d) nonché g), cioè:                                                          
a) nelle aziende industriali di cui all’articolo 2 del decreto legislativo17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni, soggette all’obbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli articoli 6 e 8 del medesimo decreto;          
b) nelle centrali termoelettriche;                                            
c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e  33 del decreto legislativo17 marzo 1995, n. 230, e       successive modificazioni;                                                     
d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;                         
g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.                                                            

FINO A 50 LAVORATORI (art.29, comma 6)

I datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f).

Queste disposizioni(comma 6) non si applicano alle attività svolte nelle seguenti aziende:

a) aziende di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g); ovvero: per a), b), c), d) e g) vedi a sinistra e per f) :nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori;

b) aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all’esposizione ad amianto.

IN OGNI CASO (art.29)

1. Il datore di lavoro effettua la valutazione dei rischi in

collaborazione con il RSPP e il medico competente nei casi di cui all’articolo 41.
2. Le attività di cui al comma 1 sono realizzate previa consultazione del RLS.
3. La valutazione dei rischi deve essere rielaborata entro 30 giorni, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate. Il datore di lavoro deve dare immediata evidenza dell'aggiornamento e immediata comunicazione al RLS che accede a tale documentazione su richiesta.
4. Il DVR ed eventualmente il DUVRI devono essere custoditi presso l’unità produttiva alla quale si riferisce la valutazionedei rischi.